Destinazioni,  Emilia Romagna

Ravenna: la capitale dei mosaici

Ravenna, in Emilia Romagna, è una città ricca di opere artistiche paleocristiane che si collocano nella lista delle meraviglie italiane Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. In particolare è famosa in tutto il mondo per i suoi caratteristici mosaici bizantini, che arricchiscono di preziosi dettagli colorati vari palazzi e chiese storiche della città.

Storicamente Ravenna è inoltre stata punto di incontro tra le culture occidentale e orientale, possedendo un patrimonio unico ed inestimabile. Infatti è stata capitale dapprima dell’Impero Romano d’occidente, successivamente del Regno Ostrogoto ed infine dell’Esarcato Bizantino.


Cosa vedere a Ravenna: Dante e i Mosaici


Basilica di San Vitale

La Basilica di San Vitale fu costruita nel 530 d.c. ed è uno dei più grandi esempi di arte paleocristiana. La sua struttura architettonica è una combinazione di elementi romani e bizantini. L’interno della Basilica è un susseguirsi di curve, in varie profondità, illuminate dalla luce che penetra attraverso le trifore. I mosaici sono localizzati soprattutto nel presbiterio e nell’abside. Rappresentano scene religiose di apostoli ed evangelisti e culminano sulla volta sull’altare con il simbolico Agnus Dei.


Mausoleo di Galla Placidia

A pochi passi dalla Basilica di San Vitale si trova il Mausoleo di Galla Placidia. Quello che colpisce è il forte contrasto tra la semplicità della struttura cruciforme all’esterno e la ricchezza decorativa al suo interno. Tra le mura del Mausoleo infatti sono racchiuse meravigliose scene di mosaici bizantini in cui viene rappresentato in un cielo blu stellato il trionfo della croce sulla morte. Il Mausoleo realizzato nel V secolo d.c. venne realizzato per ospitare le spoglie di Galla Placidia, figlia di Teodosio il Grande.

ravenna mosaici
Mausoleo Galla Placidia, Wikicommons

Mausoleo di Teodorico

Il Mausoleo di Teodorico risale al 520 d.c. ed è un edificio alto 15 metri e composto da due strutture decagonali in pietra d’Istria. La struttura superiore contiene una caratteristica vasca in porfido, di color rosso porpora, che conteneva il corpo del sovrano. La leggenda narra che a Teodorico, re degli Ostrogoti, era stato predetto che sarebbe morto colpito da un fulmine. Cercando di sfuggire al suo destino egli si fece costruire questo edificio per proteggersi, ma il fato volle che durante un temporale un fulmine colpì l’edificio e uccise il re che era al suo interno.

ravenna mosaici
Mausoleo di Teodorico, Wikicommons

Basilica di Sant’Apollinare Nuovo

La Basilica di Sant’Apollinare Nuovo fu fatta costruire dal re Teodorico nel V secolo con la funzione di cappella palatina. La struttura della Basilica è molto ampia, composta da tre navate che culminano in tre absidi semicircolari. I suoi mosaici sono unici perchè mostrano l’evoluzione dello stile bizantino, poiché appartengono a periodi diversi. Le due fasce in alto infatti sono più antiche e furono realizzate nel V secolo, rappresentano le Storie di Cristo, Santi e Profeti, con tratti più tipici dell’arte romana. La fascia più in basso è invece di realizzazione più recente, VI secolo, e ha delle caratteristiche più tipiche dell’arte bizantina.

ravenna mosaici
Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, Wikicommons

Battistero Neoniano

Il Battistero Neoniano, o degli Ortodossi, si colloca all’interno di un grazioso giardino, nelle vicinanze del Duomo. L’edificio di forma ottagonale ospita al centro la vasca battesimale in marmo, anch’essa di forma ottagonale. I meravigliosi mosaici al suo interno culminano nella scena centrale del Battesimo di Cristo.

ravenna mosaici
Battistero Neoniano, Wikicommons

La Tomba di Dante a Ravenna

La Tomba di Dante, presso la Basilica di San Francesco, è il sepolcro in stile neoclassico che custodisce le spoglie del poeta Dante Alighieri. Dante morì infatti a Ravenna nel 1321, dopo aver vissuto nella città dei Mosaici per gli ultimi anni della sua vita. Il sepolcro è un Monumento Nazionale abitato dal silenzio della poesia.


Come e quando ammirare i meravigliosi mosaici di Ravenna

Per visitare le principali attrazioni di Ravenna è possibile acquistare un biglietto unico al costo di 10.50€ (ridotto 9.50€), con durata di 7 giorni. Questo biglietto include l’accesso a: Basilica di San Vitale, Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, Museo Arcivescovile, Battistero Neoniano, Mausoleo di Galla Placidia.

Qui troverete gli orari di apertura sempre aggiornati.

Please follow and like us:

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)